Apri il cuore all'Affido

AFFIDAMENTO DIURNO

In relazione alle proprie disponibilità la famiglia affidataria puó aiutare un minore nell’arco di una giornata intera: accompagnarlo a scuola, aiutarlo nei compiti, giocare con lui, accompagnarlo alle varie attività, portarlo a fare una passeggiata; oppure in una parte della giornata, ad esempio dal ritorno da scuola alla sera, quando rientrerà nella sua famiglia. L’affidamento diurno può però anche limitarsi a trascorrere con il bambino alcuni weekend o una vacanza estiva.

Con questa soluzione il minore che ha la famiglia in difficoltà temporanea rimarrà nel suo quartiere, ma sarà seguito nei momenti in cui i suoi genitori non sono presenti. Viene così evitato il ricorso a comunità o istituti o comunque strutture prive di calore familiare. Essendo limitato a una parte della giornata esso dovrebbe attuarsi solo nell’ambito della zona in cui risiede la famiglia d’origine del bambino.

Se una famiglia non può lasciare il proprio figlio il pomeriggio, la sera o in altri momenti ai nonni, a una zia o a un parente perché questi non sono vicini o non ci sono per niente, in un tessuto sociale disgregato come quello urbano può dunque subentrare una famiglia del quartiere a sostituire i genitori d’origine quando questi non possono prendersi cura del bambino.

Naturalmente entrambe le famiglie saranno seguite dai servizi. L’obiettivo dell’affidamento diurno è quello di utilizzare le risorse della zona di residenza del minore: se le famiglie sono informate e preparate non è difficile stimolare la loro disponibilità proprio perché riguarda momenti determinati della giornata ed è legato a un progetto evolutivo del ragazzo, ad esempio fin quando il genitore cambia lavoro o il ragazzo conclude un ciclo di studi.

Proprio perché l’intervento della famiglia affidataria è limitato a momenti determinati, essa deve accettare i limiti del suo ruolo senza sostituirsi alla sua famiglia.

Affido familiare

   

 

Un’importante forma di accoglienza famigliare è l’affido: spesso se ne parla come di un’esperienza "eccezionale", quasi impossibile, ma sono numerose le nostre famiglie che stanno vivendo quest’esperienza come un fattore decisivo della propria vita. Perché vale la pena fare questa esperienza? Innanzitutto essa educa alla gratuità, che significa "dilatare la propria vita fino ai confini della vita di questa persona", cioè del bambino concreto che accogli in casa, fino ad amarne tutta la sua storia, la sua famiglia, la sua diversità. Essa educa soprattutto al "non possesso", che è il vero amore di un padre e di una madre. L'affido è poi un'esperienza possibile per qualunque famiglia: la famiglia, infatti, per sua natura è capace di accogliere senza tornaconto, senza calcolo.

    
Ma ciò che può sostenere una famiglia nell’affido è la compagnia di altre famiglie che vivono la stessa esperienza e mantengono viva la coscienza del gesto e di ciò che l’ha mosso. Questa compagnia giunge all'aiuto concreto nelle scelte quotidiane, anche le più difficili. Vissuta con questa coscienza, l'esperienza delle famiglie affidatarie è divenuta un fatto socialmente rilevante, capace di generare una posizione culturale esplicita e di incidere anche a livello istituzionale, ponendo le famiglie come consapevoli interlocutrici nel rapporto con i servizi sociali territoriali.

 

Apriamo il cuore all'AFFIDO

Caro Gesù, mi dicono che tante cose sia Tu a deciderle e fin qui va bene…..

.. non capisco perchè non prendi per tutti le stesse decisioni. Tutti i miei compagni di scuola hanno una famiglia e io no, dove ho sbagliato, è una punizione?? e se così fosse quanto durerà ancora? ora sono grande e mi vergogno un po’.

. Immagino come potrebbe essere vivere in una famiglia, tutta mia con la mia mamma e il mio papà, vivere una vita normale!!!

Chiudo gli occhi e sogno, perchè è un sogno….di svegliarmi al mattino nel mio lettino, con accanto la mamma che mi dice: “svegliati FIGLIO mio è già mattino” . Fare colazione in una cucina che sa di profumo di caffè, che alla mia mamma e al mio papà piace tanto, con la tavola apparecchiata con le tazze piene di latte, un dolce appena sfornato che sa d’amore e di cioccolato, perchè la mia mamma sa che amo il cioccolato!!!!

Poi … di corsa a vestirmi, e giù che papà mi aspetta per accompagnarmi a scuola….

Apro gli occhi perchè continuare a sognare fa tanto male….sento un dolore al cuore anche se il dottore dice che è tutto a posto il cuore è forte e sano….eppure fa male.

Caro Gesù qualsiasi sia la spiegazione che mi possono dare, non sarà mai sufficiente a giustificare una famiglia che non c’è, che mi aiuti a crescere perchè anche se sono forte e so cavermela da solo, è tanto difficile.

A volte mi sento solo e vuoto anche se ho tante persone accanto a me tanti diciamo, fratelli e sorelle che come me sognano e si chiedono perchè?

Davanti ad un bivio: crescere da solo…..o tornare ad essere figlio.

Nel momento in cui un bambino viene abbandonato o allontanato dalla sua famiglia , si trova davanti ad un bivio, crescere da solo o tornare ad essere figlio.

Le cause per il quale un bambino viene allontanato dalla sua famiglia, possono essere diverse, che portano a ritenere l’ambiente familiare non idoneo per il bambino, dove non può essere amato, educato e cresciuto nella maniera adatta.

La soluzione più semplice ed immediata, è il ricovero in istituti o in centri di assistenza, che sappiano provvedere al bambino al cibo, alla salute, all’ istruzione, alle attività sportive a rispondere a tutte le sue esigenze anche se manca l’affetto, il calore che solo una famiglia può dare.

E’ giusto che il tempo di attesa, necessario a risolvere i problemi che hanno causato il suo allontanamento, sia vissuto in una famiglia in modo che il bambino non perda la capacità di amare e sentirsi amato, conservando la fiducia in se stesso e negli altri.

Apriamo il cuore all'accoglienza, all'AFFIDO.

Crescere da soli si può…senza affetti è difficile.

Loccisano Nadia)

L'AFFIDO E' POSSIBILE PER I MAGGIORENNI SINGLE, COPPIE CONIUGATE E COPPIE DI FATTO.

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...

Patrizia | Risposta 04.06.2016 11.16

Dalla prov di Palermo

AFAP 04.06.2016 12.13

Vieni a trovarci in via Catania 146 a Palermo e ti daremo le indicazioni che desideri;telefona al n3288434133 per l'appuntamento (lunedì e giovedì 16/18)

patrizia | Risposta 03.06.2016 18.53

alla mia famiglia piacerebbe prendersi cura di un minore in difficoltà, specialmente quelli che arrivano con i barconi, anche per lungo tempo. Dare affetto

AFAP 04.06.2016 08.21

Patrizia, da dove scrivi?

Afap | Risposta 05.10.2015 15.02

...vengono poi presentate le fatture ed il modello ISEE, per l'erogazione del contributo straordinario

Afap | Risposta 05.10.2015 15.01

Bisogna andare dal dentista il quale deve certificare l'urgenza del suo intervento; questa certificazione va presentata al centro affidi e, se accolta...

Diego | Risposta 05.10.2015 13.33

Quindi prima di andare dal dentista ? O anche dopo l'importante che ci siano le fatture?

Afsp | Risposta 05.10.2015 00.58

Buona sera Diego, le spese dentistiche fanno parte del contributo straordinario, per ottenere il rimborso bisogna presentare al centro affidi un preventivo

Diego | Risposta 04.10.2015 23.29

Buonasera quale procedura bisogna attuare per chiedere il rimborso delle cure dentistiche per un bambino in affido? Vi e' una procedura? Grazie e attendo .D

Anna maria | Risposta 31.08.2015 16.07

Ciao mi chiamo Anna Maria sono sposata e mamma di 3 bimbi desideriamo avere una bambina in affidamento, desideriamo tanto aiutare una bimba siamo di Trapani

Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

06.08 | 13:04

Marcella, grazie per l'interesse. Troverà le istruzioni nella sezione "associati con noi" presente in questo sito. Per maggiori info chiami il numero 3288434133

...
06.08 | 12:55

Ciao, sono una mamma affidataria , lavoratrice ,che vorrebbe informazioni per poter far padelldellsociaziodellAfap di Palermo.

...
04.06 | 12:13

Vieni a trovarci in via Catania 146 a Palermo e ti daremo le indicazioni che desideri;telefona al n3288434133 per l'appuntamento (lunedì e giovedì 16/18)

...
04.06 | 11:16

Dalla prov di Palermo

...
A te piace questa pagina
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO